neve

mercoledì 26 luglio 2017

Rubrica Www Wednesday Arimi #16

Buonasera a tutti!
Eccoci qui con la nuova puntata della rubrica Www Wednesday


In questa rubrica risponderò a tre semplici domande:


  • Cosa stai leggendo?
  • Quale libro hai finito di recente?
  • Quale sarà la tua prossima lettura?


Cosa stai leggendo?


Questo interessante saggio lo alterno tra un libro e l'altro perché passare da una storia di un romanzo ad un altra a volte mi crea il blocco del lettore, in questo modo credo di aver risolto^^

Quale libro hai finito di recente?
Ho terminato ieri sera la lettura di un romanzo ricevuto in anteprima che uscirà a fine Agosto, dopo la pausa vacanze estive mi posterò la mia recensione.

Quale sarà la tua prossima lettura?
Proseguirò la saga dei Cazalet con la lettura del secondo volume.

E voi cosa state leggendo?
A presto,

sabato 22 luglio 2017

Mid year book freak out tag

Buonasera tutti!
Oggi vi porto un tag libresco di metà anno molto carino che ho visto su diversi canali Youtube che seguo^^
Si tratta di dieci domande a cui rispondere per fare il punto della situazione dei libri letti.





1) Miglior libro letto nel 2017


2) Miglior sequel letto fin'ora


3) Le nuove uscite che aspetti di più

Qui potete leggere la mia recensione al primo volume Illuminae:http://romance-e-non-solo.blogspot.it/2017/03/recensione-illuminae-di-amie-kaufam-e.html
4) La tua più grande sorpresa


5) Il tuo nuovo personaggio preferito

Ad oggi nessun personaggio in particolare, protagonista e non, dei libri letti fin'ora nel 2017 mi è entrato nel cuore

6) Un libro che ti ha fatto piangere


7) Un libro che ti ha resa felice


8) Il tuo adattamento preferito che hai visto al cinema


9) Il libro più bello che hai comprato quest'anno


10) Quali libri leggerai entro l'estate?



a presto,


mercoledì 19 luglio 2017

Rubrica Www Wednesday Arimi #12

Buonasera a tutti!
Eccoci qui con la nuova puntata della rubrica Www Wednesday


In questa rubrica risponderò a tre semplici domande:


  • Cosa stai leggendo?
  • Quale libro hai finito di recente?
  • Quale sarà la tua prossima lettura?


Cosa stai leggendo?


Quale libro hai finito di recente?


Quale sarà la tua prossima lettura?

Molto probabilmente un libro che ho ricevuto in anteprima e del quale vi parlerò presto!!

A presto,


domenica 16 luglio 2017


Buongiorno a tutti, finalmente riesco a pubblicare questa recensione tanto attesa ma purtroppo come ho scritto in pagina Fb ho dei problemi di salute e quindi ho dovuto rimandare diverse cose!


Qui potete trovare le mie recensioni ai precedenti volumi della trilogia:
The queen of the Terling
The invasion of the Tearling














 Trama:
In meno di un anno Kelsea Glynn, dall'adolescente impacciata che era, è diventata una sovrana sicura di sé. Mentre maturava nel suo ruolo di regina del Tearling, questa giovane testarda e lungimirante ha trasformato il regno intero. Nel suo tentativo di eliminare corruzione e vessazioni e riportare giustizia si è fatta numerosi nemici, in patria e nei territori confinanti: il più terribile di tutti è la Regina Rossa, che non si è fatta scrupolo di rivolgere il suo esercito contro il Tearling. Per proteggere la sua gente da un'invasione devastante, Kelsea ha compiuto una scelta incredibile: si è consegnata coi suoi zaffiri magici al nemico, lasciando il trono a Mazza Chiodata, fidato comandante della sua guardia personale, cui ha affidato il ruolo di reggente. Questi, però, non ha alcuna intenzione di arrendersi fino a quando non sarà riuscito a salvare
Recensione:

The Fate of the Tearling è l’ultimo capitolo della trilogia dedicata al Tearling nata dalla penna di Erika Johansen.


Questo ultimo capitolo ha scatenato un vero dibattito in rete tra i lettori ai quali è piaciuto e quelli invece che lo hanno detestato.


Personalmente ho trovato questo romanzo molto bello, all’altezza dei precedenti anche se, soprattutto nelle pagine finali ho riscontrato diverse note stonate, ma ne parleremo più avanti.


La storia prende avvio esattamente da dove si era interrotta nel precedente volume e vedremo la nostra regina del Tearling prigioniera della Regina Rossa.


Questa prima parte è la più bella secondo me, infatti approfondiremo moltissimo la conoscenza della Regina Rossa, un personaggio avvolto in un perenne alone di mistero che verrà in gran parte svelato.


Un antagonista degna di questo nome, è vero, ma che nasconde un passato tutt’altro che facile, scelte sbagliate l’hanno resa la donna crudele che è diventata ma in fondo, anche lei nasconde un animo onorevole e la sua evoluzione finale sorprenderà anche il lettore più esigente.


Kelsea invece ormai, almeno per quanto riguarda l’aspetto fisico, si è completamnte trasformata in Lily, il suo potere è fortissimo e avrà visioni anche senza gli zaffiri.


Le visioni però non riguarderanno più Lily, bensì Katie, una giovane ragazzina che vive nel Tearling appena fondato e attreverso i suoi occhi conosceremo Row, Fetch e vivremo i primi anni della fondazione della nuova terra, la nascita della corruzione, della brama di potere.


Ma soprattutto scopriremo la nascita degli zaffiri.


Ho apprezzato moltissimo questi capitoli ambientati nel passato, l’autrice è proprio grazie a queste visioni, o meglio incarnazioni di Kelsea in Katie che svelerà gran parte dei misteri rimasti irrisolti anche se non tutti, preparatevi perché alcune domande rimarranno senza risposta, lasciando forse aperta la strada ad un quarto volume…chissà!


Per quanto abbia apprezzato questa ambientazione passata è proprio in una delle battute finali di quest’ultima che si trova però una scena totalmente splatter che non riesco a capacitarmi di come possa essere stata inserita dall’autrice.


A parer mio la peggior scena dell’intera saga.


The Fate of the Tearling è il romanzo più dinamico dell’intera saga, infatti è strutturato in tantissimi pezzi di un puzzle che poi si uniranno nel finale, e così se da una parte c’è Kelsea nel presente con la Regine Rossa e nel passato nei panni di Katie con Row E Fetch poco più che ragazzi, dall’altro lato seguiremo le vicende di quest’ultimi due nel presente e scopriremo la loro maledizione.


Ovviamente seguiremo anche le vicende del reggente provvisorio, il nostro Mazza Chiodata che confermerà di essere una dei più bei personaggi della saga.


Lo stile di scrittura della Johansen è come sempre ricco di particolari, dal ritmo cadenzato e descrittivo.


La caratterizzazione dei personaggi è ottima.


Il finale…ahimè il finale secondo me è un po' troppo incoerente con tutto il resto del libro, diciamo che per una saga di così alto livello ci voleva un finale degno di questo nome e purtroppo quello scritto dall’autrice non è all’altezza secondo me, apre mille domande e lascia l’amaro in bocca con un’unica grande domanda: Ma Perché????


Detto questo concludo consigliandovi senza dubbio la lettura di questa saga che nel complesso risulta essere una delle migliori ambientazioni fantasy-distopico degli ultimi anni.

 

A presto,







venerdì 7 luglio 2017

Recensione "The Beast" di J.R.Ward

Buongiorno a tutti voi e bentornati sul blog!!
Scusate tanto la mia assenza, ma ho avuto problemi con il computer e ho voluto aiutare mia sorella a prepararsi al meglio per gli esami di terza media... Ma bando agli indugi... Sono di nuovo qui con voi :)

Oggi sono qui per parlarvi di una lettura che per me è stata veramente fantastica e che vi consiglio caldamente!


Trama:
La Confraternita del Pugnale nero è una grande famiglia, ma non tutti i suoi membri sono completamente felici. Tra questi Rhage, che dopo aver sfiorato la morte viene travolto da un sentimento inatteso: il desiderio di avere un figlio. Un desiderio che purtroppo si scontra con l’impossibilità di Mary di averne e rischia di mandare in crisi il loro legame. Anche l’Eletta Layla è tormentata. Perché se da un lato portare in grembo i gemelli di Qhuinn è una gioia e un onore, dall’altro i sentimenti per Xcor - nemico giurato della confraternita - la riempiono di sensi di colpa.

E che dire di Assail? Diventato un prezioso alleato dei Fratelli, deve combattere contro la propria dipendenza dalla droga e contro il ricordo di Marisol. Qualcuno dovrà sconfiggere i nemici della Corona, qualcun altro i propri demoni, altri ancora le proprie paure. E mentre l’Omega rimpolpa il proprio esercito, vecchi nemici e nuovi amici intrecciano le proprie sorti sullo sfondo di una Caldwell sempre più livida...

La mia recensione:

Con questo nuovo capitolo della serie è stato come, se dopo un lungo viaggio, sia tornata finalmente a casa.
Un romanzo incredibile per le tematiche di cui si parla e per l'intensità con cui i protagonisti affrontano i problemi contro i malvagi lesser e i problemi di vita quotidiana.

Un argomento di cui si parla in questo libro e che ho apprezzato tantissimo è la gioia e felicità nel momento in cui si crea una famiglia sia avendo figli propri sia avendoli tramite un'adozione.

Questo romanzo è particolare perchè dopo aver passato volumi più corali dove ci concentravamo su tanti fratelli della confraternita contemporaneamente, torniamo ad avere un libro dove ci si incentra solo su uno o due di loro, e come non posso esserne felice se uno di questi è Rhage?!?!?!?

Il romanzo inizia nella maniera più classica ovvero con i fratelli in missione per la Confraternita contro un gruppo di lesser, solo che un avvertimento di Vishous a Rhage sul fatto di stare lontano dal campo di battaglia lo fa andare fuori di testa per la tensione e fa saltare l'operazione andando allo scoperto senza avvisare nessuno.

Si salva per miracolo e sarà nel momento in cui lo lasciano ad occuparsi del piccolo Wrath che capirà come nella sua vita manchi qualcosa, un piccolo segreto tutto suo che porterà ad una crisi di coppia con Mary: a Rhage piacerebbe avere un figlio tutto suo, ma la sua shellan è sterile...

Un altro personaggio che vedremo alle prese con l'allargamento della propria famiglia è Qhuinn con Layla oramai prossima al parto dei gemelli del guerriero.
Vedremo come ogni maschio prova il più profondo terrore per le sorti sia dei figli sia della donna incinta visto che i parti vampireschi non sono affatto una passeggiata.

Assail è sicuramente l'altro personaggio altrettanto importante che ti conquista in questo romanzo specialmente dopo la scelta coraggiosa che decide di prendere alla fine del romanzo.

Un romanzo che ti tocca il cuore in modo lieve, ma talmente permamente da impedirti di lasciarlo troppo in libreria senza ad andare a rileggere qualche particolare nei giorni seguenti.

La Ward potrà continuare a sfornare libri a volontà per quanto mi riguarda perchè in ogni romanzo sa dare sempre tantissime emozioni e sorprese anche quando tu pensi di sapere oramai tutto sulla trama.



*Black Dagger Brotherhood Series*
1. Dark Lover
2. Lover Eternal
3. Lover Awakened
4. Lover Revealed
5. Lover Unbound
6. Lover Enshrined
7. Lover Avenged
8. Lover Mine
9. Lover Unleashed
10. Lover Reborn
11. Lover at Last
12. The King
13. The Shadows
14. THE BEAST
15. The Chosen {ancora da tradurre in italiano}
16. The Thief {in pubblicazione - 2018}

E voi? Lo avete letto? Che ne pensate?

A presto




mercoledì 14 giugno 2017

Rubrica Www Wednesday Arimi #11

Buonasera a tutti!
Eccoci qui con la nuova puntata della rubrica Www Wednesday


In questa rubrica risponderò a tre semplici domande:


  • Cosa stai leggendo?
  • Quale libro hai finito di recente?
  • Quale sarà la tua prossima lettura?



Cosa stai leggendo?
 












Quale libro hai finito di recente?


Quale sarà la tua prossima lettura?

Non lo so deciderò sul momento tra i libri della biblioteca sicuramente^^



A presto,


lunedì 12 giugno 2017

Recensione Absence di Chiara Panzuti

Buonasera a tutti,
oggi vi parlo di un romanzo "chiacchieratissimo" in questo periodo:


Trama:

Viviamo anche attraverso i ricordi degli altri.
Lo sa bene Faith, che a sedici anni deve affrontare l’ennesimo trasloco insieme alla madre, in dolce attesa della sorellina. Ecco un ricordo che la ragazza custodirà per sempre. Ma cosa accadrebbe se, da un giorno all’altro, quel ricordo non esistesse più? E cosa accadrebbe se fosse Faith a sparire dai ricordi della madre?
La sua vita si trasforma in un incubo quando, all’improvviso, si rende conto di essere diventata invisibile. Nessuno riesce più a vederla, né si ricorda di lei. Non c’è spiegazione a quello che le è accaduto, solo totale smarrimento.
Eppure Faith non è invisibile a tutti. Un uomo vestito di nero detta le regole di un gioco insidioso e apparentemente folle, dove l’unico indizio che conta è nascosto all’interno di un biglietto: 0°13′07″S 78°30′35″W, le coordinate per tornare a vedere.
Insieme a Jared, Scott e Christabel – come lei scomparsi dal mondo – la ragazza verrà coinvolta in un viaggio alla ricerca della propria identità, dove altri partecipanti faranno le loro mosse per sbarrarle la strada. Una corsa contro il tempo che da Londra passerà per San Francisco de Quito, in Ecuador, per poi toccare la punta più estrema del Cile, e ancora oltre, verso i confini del mondo.
Primo volume della trilogia di Absence, Il gioco dei quattro porta alla luce la battaglia interiore più difficile dei nostri giorni: definire chi siamo in una società troppo distratta per accorgersi degli individui che la compongono.
Cosa resterebbe della nostra esistenza, se il mondo non fosse più in grado di vederci?
Quanto saremmo disposti a lottare, per affermare la nostra identità?
Un libro intenso e profondo; una sfida moderna per ridefinire noi stessi.
Una storia per essere visti. E per tornare a vedere.

La mia recensione:

Absence di Chiara Panzuti è una ventata di aria fresca nel panorama dei fantasy young adult.

Primo volume di una trilogia targata Fazi per la collana LainYa.

Un romanzo dalla trama originale che conquista fin dalla prima pagina.

Protagonista della storia è Faith.

Nelle prime pagine del romanzo seguiremo la ragazza nel bel mezzo di un trasloco insieme alla madre incinta in una nuova città, in una nuova casa, in una nuova vita.

All’improvviso però la ragazza sente un forte rumore e…. sparisce!

Letteralmente, Faith diventa invisibile, la sua vista si appanna, il suo udito si affievolisce e non riesce più a vedere il suo corpo.

Oltre a questo sembra sparire tutto ciò che è stata Faith, la sua stessa esistenza nei ricordi delle persone è cancellata, è come se la ragazza non fosse mai esistita.

Ovviamente la ragazza sarà sconvolta e solo la sua forza d’animo le impedirà di farsi travolgere dallo sconforto e dalla disperazione più totale.

Ben presto però Faith scoprirà di non essere sola, ci sono altri ragazzi invisibili come lei.

Jared, un ragazzo d’oro, riflessivo e altruista, Scott, che con il suo sarcasmo è capace di portare sempre il buonumore anche in situazioni tragiche ed infine Christabel, la pessimista del gruppo, una ragazza che si fa travolgere fin troppo dalla situazione ma in fondo, forse, è la più reale del gruppo, la più vicina a rappresentare ciò che ognuno di noi farebbe in una circostanza simile.

Quattro ragazzi diversi ma uniti dallo stesso destino.

"Siete assenza, non inglobate nulla, nulla vi attraversa.
Nessuna rifrazione.
Nessun rimbalzo.
Agli occhi del mondo voi non esistete.
Siete invisibili."

Con in mano delle semplici coordinate per un luogo misterioso la loro avventura avrà inizio.

Un romanzo che si legge d’un fiato.

La caratterizzazione dei personaggi è ottima, ognuno è ben definito.

La Panzuti ha saputo dare colore all’invisibile, come appunto sono i nostri protagonisti.

Ma il romanzo di Chiara non è solo un fantasy per trascorrere qualche piacevole ora di relax ma è una storia che fa riflettere sul mondo d’oggi.

A quante volte troppo spesso i giovani si sentono “invisibili”, tagliati fuori da un frenetico ritmo di social e selfie.

Siamo tutti isole, sparsi in un universo sempre più digitale che ci rende invisibile agli occhi degli altri.

L’essere invisibile dei protagonisti di Absence e il cercare in tutti i modi di risolvere un enigma per tornare ad “essere” rappresenta la ricerca di noi stessi, di una nostra identità.

Prima di tutto dobbiamo colorare noi stessi e credere nelle nostre capacità, solo così saremo visibili per gli altri.

In conclusione veramente un buon inizio!



A presto,











martedì 6 giugno 2017

Recensione Traveller di Alexandra Bracken

Buonasera a tutti!
Ecco qui la mia recensione al capitolo conclusivo della saga di Alexandra Bracken

Qui potete trovare la mia recensione al primo capitolo della duologia:http://romance-e-non-solo.blogspot.it/2017/04/recensione-passenger-di-alexandra.html


Trama:

Etta Spencer non sapeva di essere una "viaggiatrice" fino al giorno in cui si è ritrovata a chilometri e secoli di distanza da casa sua. Ora, di nuovo sola, in un luogo e in un tempo a lei sconosciuti, derubata dell'unico oggetto in grado di proteggere la linea temporale e salvare sua madre, e lontana da Nicholas, il ragazzo che ama, deve fare i conti con una rivelazione tanto scioccante da mettere in discussione quello per cui lei ha combattuto fino ad ora, e cambiare per sempre il suo futuro. Un futuro che Nicholas è pronto a tutto pur di salvare. Devastato dalla scomparsa di Etta, sta infatti cercando disperatamente di rintracciarla, per aiutarla a risolvere insieme questo disastro, come era destino. Ma, mentre Etta e Nicholas continuano a cercarsi ai confini del tempo e del mondo, e i viaggiatori sono impegnati in una spietata battaglia per il potere, la posta in gioco si alza. Perché esiste qualcosa di ben più potente dell'astrolabio che tutti vorrebbero. Un potere antico e pericoloso che minaccia di sradicare del tutto la linea temporale...

La mia recensione:

Traveller è il capitolo conclusivo della duologia a tema “time travel” nata dalla penna di Alexandra Bracken.

Il romanzo inizia esattamente dove il primo si era interrotto: scopriremo le sorti di Etta che avevamo lasciato in un finale a dir poco sospeso.

La ragazza si ritroverà sola e ferita nella San Francisco del 1906 circondata dalle Spine.

Ma non sembra ciò che appare corrisponde alla verità e tra i suoi nemici Etta scoprirà una realtà familiare che non si sarebbe mai aspettata.

Non vi svelo oltre per non farvi spoiler, ma vi dirò solo che cadere tra le Spine sarà per la nostra protagonista la più dolce delle cadute della sua vita.

Opposti ad Etta, sia in linea temporale che spaziale, troveremo Nicholas e Sophia.

Insospettabili alleati si ritroveranno a combattere contro un nemico comune, in cerca dell’amore della sua vita uno e dell’astrolabio l’altra.

Per tutto l’arco narrativo il romanzo si svilupperà con questo parallelismo dei personaggi, da una parte seguiremo gli spostamenti di Etta e dall’altra quelli di Nicholas e Sophia, per poi avere un ricongiungimento delle loro strade solamente nei capitoli finali.

Una storia sicuramente all’altezza delle mie aspettative, la Bracken in questo secondo volume ha saputo incastrare tutti i pezzi del puzzle che aveva disseminato nel primo capitolo della saga dando al lettore tutte le risposte cercate.

Lo stile dell’autrice è molto descrittivo e cadenzato, i particolari di ogni epoca visitata dai vari personaggi sono studiati nel dettaglio e riportati al lettore minuziosamente rendendo così un’immagine viva e realistica di tempi e luoghi passati.

La ricostruzione storica che ho preferito è stata quella del Palazzo d’Inverno con la corte degli Romanov, periodo storico che mi ha sempre affascinata, ma senz’altro non posso non citare la ricostruzione di Cartagine devastata dalle guerre puniche o la magica Praga del 1430.


Inoltre ciò che soprattutto spicca è l’intricata legge fisica che regola i viaggi nel tempo, l’autrice è stata precisa nel creare un meccanismo tanto complesso e cervellotico quanto straordinariamente reale.

Sebbene in questo romanzo, per quasi tutto l’arco narrativo, Etta e Nicholas sono lontani, il loro forte legame, il loro amore, trasuda da ogni pagina.

Il loro è un sentimento maturo, non una passione fugace, ed è proprio la forza del loro amore che li spinge ad andare avanti nonostante tutte le avversità e che a volte fa compiere loro scelte avventate.

Il personaggio che matura maggiormente in questa duologia è senza dubbio Sophia, da cinica ragazza viziata la viaggiatrice imparerà a rispettare il prossimo e finalmente riuscirà a creare dei legami sinceri.

E forse è proprio Sophia il personaggio che mi è entrato nel cuore, nonostante tutto il lieto fine lo meritano tutti.

Ma la Bracken è una miniera aperta di tesori, leggendo Traveller si approfondiranno legami familiari, d’amicizia, la ricerca dell’eterna felicità, la redenzione, il perdono e la perdita.

Potete lasciarvi sfuggire una duologia così magica?!?




Qui potete trovare la tappa ospitata sul nostro blog del blogtour dedicato al romanzo:

E qui l'intervista all'autrice:

A presto,









Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?