neve

mercoledì 31 dicembre 2014

Mini Recensioni "The Bliss Bakery Series" di Kathryn Littlewood

Buongiorno e Buon Ultimo dell'Anno a tutti!!!
Eccomi qui con voi a parlarvi di due romanzi che ho letto di recente e di cui voglio darvi una mia impressione...

I romanzi sono rispettivamente il primo e il secondo di una serie... Il terzo l'ho recuperato giusto ieri e devo ancora iniziare a leggerlo ;)

PROFUMO DI CIOCCOLATO di Kathryn Littlewood

Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 266
Prezzo: 9,50€
Data di pubblicazione: 21/05/2013
Codice ISBN: 9788804627692

Trama:
I genitori di Rose hanno una pasticceria, la Bliss Bakery. E i loro sono dolci magici... nel vero senso della parola! I genitori di Rose hanno anche un segreto: è il Magiricettario, un antico volume che raccoglie ricette magiche, come i Ciococroissant della Felicità e la Torta Tornaindietro alle more... Il giorno in cui i signori Bliss si assentano si presenta alla porta una misteriosa "zia" Lily: alta, bella, vestita di viola, e in più cucina spettacolari piatti esotici. Rose e i suoi fratelli non ricordano di averla mai conosciuta, ma pensano che sarebbe carino offrirle qualcosa di magico... La magia, però, va maneggiata con cura, perché potrebbe essere esplosiva. E quando in città tutti si innamorano di tutti e la gente comincia a scambiarsi verità che era meglio non condividere. .. toccherà a Rose rimediare!

La mia recensione:
Un romanzo che mi ha subito attirato per la bellissima copertina e per questa frase sul retro del libro...

Fu nell'estate in cui compì dieci anni che Rosemary Bliss vide sua madre versare un fulmine nell'impasto per una torta e capì che i suoi genitori praticavano la magia.

Un romanzo scritto per un pubblico più piccolo, ma che mi ha attirato lo sguardo e il cuore come altro... Un'autrice davvero superba nel narrare la storia con semplici parole, ma che ti conquistano una dopo l'altra come se la protagonista fosse una tua amica da chissà quanti anni e la conosci da sempre...
Una narrazione fluida, intrigante e magica! Personaggi davvero interessanti: dalla giovane Rosemary così sicura all'esterno, ma titubante dentro di sè, dai fratellini Sage e Ty sempre al suo fianco e dall'ambiziosa zia Lily arrivata inaspettatamente in città e da cui la ragazza si sente tanto attratta per le cose che le propone...

Un romanzo semplice, una lettura sicuramente adatta per un periodo di festa dove rilassarsi con una lettura leggera e dolce...




Non leggete questa recensione e trama se non volete spoiler sul libro precedente...

PROFUMO DI ZUCCHERO di Kathryn Littlewood


Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 252
Prezzo: 9,50€
Data di pubblicazione: 17/06/2014
Codice ISBN: 9788804640806

Trama:
Rosemary Bliss è disposta a fare qualsiasi cosa pur di riprendersi il Magiricettario, il libro delle ricette magiche di famiglia. Per questo sfida sua zia Lily, che gliel'ha sottratto con l'inganno, al Campionato Mondiale di Arte Pasticcera, a Parigi. Lily ha promesso che le restituirà il prezioso libro, se sarà Rose a vincere. Se invece dovesse perdere... be', le conseguenze sarebbero troppo orribili anche solo per pensarci. Ma Lily gioca sporco, e usa un ingrediente magico per imbrogliare la giuria. L'unica speranza di Rose è fare come lei. Insieme al nonno che non vedevano da moltissimo tempo, al suo sarcastico gatto parlante e a un topo francese voltagabbana, Rose e i suoi fratelli dovranno scorrazzare per tutta Parigi per trovare gli ingredienti magici fondamentali - e inafferrabili - per sconfiggere l'intrigante nemica a suon di torte e incantesimi. Perché Rose deve vincere, o la magia più dolce sarà perduta per sempre...

La mia recensione:
Rieccoci con una nuova puntata della serie più dolce scritta dalla penna di Kathryn Littlewood che con le sue parole ci porta non di meno che al Campionato Mondiale di Arte Pasticcera a Parigi dove la nostra Rosemary con gli inseparabili fratelli e ai genitori cercherà di vincere la competizione per riprendersi una cosa molto importante che la zia Lily gli ha rubato: il Magiricettario, il libro delle ricette magiche della famiglia Bliss.
Sarà un'avventura alla ricerca di ingredienti diversi, ma essenziali per le gare in cui si devono sfidare i concorrenti...
Riuscirà la nostra ragazza a recuperare il Magiricettario? Basterà l'aiuto dell'anziano nonno e di un gatto ad aiutarla a vincere la sfida che decreterà la vittoria o la perdita della magia più dolce?

Un romanzo veramente intrigante, quasi più del precedente dove vedremo molta più avventura alla ricerca degli ingredienti. Uno stile di scrittura sempre molto scorrevole e coinvolgente!!

Serie sicuramente consigliata! E non solo ai più piccoli...



A presto


domenica 28 dicembre 2014

Estrazione giveaway natalizio!

Buongiorno cari lettori di Romance e non solo!!!

Stamattina l'attesissima estrazione del nostro giveaway natalizio!
Vince la copia messa in palio dall'autrice di 






Rullo di tamburiiiiiiiii

Jane tempest!!



Complimenti! Contattaci alla mail del blog romance.e.non.solo@gmail.com per ricevere il tuo premio =) 




mercoledì 24 dicembre 2014

Auguri!!!!!!!

Tantissimi auguri a tutti i lettori di Romance e non solo!!
Grazie a chi ci segue da tanti anni e a chi si è unito da poco al nostro amato blog!
Buone letture e buone feste!!!!!!




martedì 23 dicembre 2014

Canzoni, mirtilli e principi azzurri di Sabina Di Gangi.

Buon pomeriggio a tutti!!
Eccomi qui con la presentazione di un nuovo libro della collana YouFeel della Rizzoli:

Canzoni, mirtilli e principi azzurri di Sabina Di Gangi.

Casa Editrice:Rizzoli 
Collana YouFeel
Mood: Emozionante
Formato: ebook
Prezzo: euro 2,49 
Data di pubblicazione: 3 dicembre 2014

Trama:
Al matrimonio dell’amica Sabine, Anne Ryan canta e incanta tutti, ma soprattutto lui: il principe David Grandyn, conosciuto dai tabloid come dongiovanni impenitente e corteggiato dalle donne più per il suo conto in banca e la posizione in società che per l’indiscussa bellezza.
Anne, famosa cantante sempre in viaggio per lavoro, fugge dagli uomini: un matrimonio fallito e un ex marito violento l’hanno convinta che l’amore non esista. Ma l’amore, quello vero, sorprende all’improvviso, e ti fa fare cose che mai avresti pensato. È come mangiare i mirtilli, uno dopo l’altro: non ti accorgi di averli 
finiti e ne vorresti ancora.
Sullo sfondo di una Londra appena risvegliata da una tiepida primavera, Anne e David si ‘scontreranno’ per caso, facendo i conti con sentimenti e passioni che pensavano essere in perenne letargo. Perché non si decide di chi innamorarsi.

L'autrice:
Sabina Di Gangi è nata nel 1977. Vive in Sicilia con il marito e i loro due figli. Nel 2001 si è diplomata in flauto traverso al Conservatorio di Palermo. Nel 2011 pubblica il suo primo romanzo un thriller, nel febbraio 2014 autopubblica un erotico “Cercando di te” 

A presto!!


lunedì 22 dicembre 2014

LA NEBBIA e altri racconti di Davide Rigonat

Buon pomeriggio a tutti!!
Oggi vi presento un 'antologia di racconti dell'autore emergente:

LA NEBBIA e altri racconti di Davide Rigonat

Genere: Antologia di racconti
Casa editrice:  libro auto-pubblicato in formato e-book su Smashwords e su Amazon
Pagine: Circa 80-90 pagine
Prezzo 1,49€ (€ 1,11) - il prezzo può variare leggermente a seconda del distributore
Data di pubblicazione: 2014
ISBN 9781301519231

Trama:
"Questa piccola antologia raccoglie, in ordine apparentemente sparso, quindici racconti - alcuni lunghi, altri brevissimi - scritti nel corso degli ultimi quindici mesi [maggio 2013 - luglio 2014. NdR]. Praticamente una storia al mese. Le tematiche e i generi affrontati sono molto vari e, in alcuni casi, piuttosto distanti. Ciò è dovuto principalmente al fatto che amo leggere generi diversi, senza sentirmi particolarmente legato a questo o a quel filone narrativo. Ho quindi sempre trovato naturale trasferire questa mia inclinazione anche nei miei scritti.
Molti dei racconti che troverete di seguito hanno anche partecipato a concorsi e premi letterari - anzi, alcuni sono stati scritti apposta - riuscendo in più di un'occasione ad ottenere dei risultati che mi hanno regalato molta soddisfazione.
Con questa raccolta quindi ho voluto fare una sorta di sintesi del lavoro fatto fin qui, secondo una precisa progressione temporale." [estratto dalla premessa del libro]
Dall'antologia sono stati estratti due racconti ("La Nebbia" e "La Stella") scaricabili gratuitamente da Smashwords e da molti altri store on-line.

L'autore:

Nato a Gorizia nel 1974, nella vita sono co-titolare di uno studio di progettazione. Lettore appassionato fin dall'infanzia, dal 2013 ho saltuariamente vestito i panni dello scrittore componendo per lo più racconti. Senza particolari preferenze di genere, anche le mie storie spaziano dal noir al fantasy, dalla narrativa tradizionale alle opere sperimentali, ecc. Da metà 2013 ad oggi più di quindici miei racconti sono risultati finalisti o premiati in altrettanti premi letterari; ad oggi i miei racconti sono comparsi in una ventina di antologie. Gestisco anche un piccolo blog chiamato "La Casa della Nebbia" (www.lacasadellanebbia.blogspot.it). 

A presto!




sabato 20 dicembre 2014

Rubrica: I libri son desideri!



Buon sabato a tutti!!
Ecco qui una nuova puntata della rubrica....
I libri son desideri dove vi parlerò dei libri che desidero leggere e che si sono aggiunti da poco o attendono da molto tempo nella mia Wish list^^


Il primo libro di cui vi parlo oggi è una recente entrata nella mia wl ma con tanti punti di domanda, infatti per ora si trova solamente scritto nella mia rubrica cartacea e non sulla lista ufficiale di anobii essendo il primo di una saga.
Prima aspetterò la pubblicazione dell'intera serie e poi li leggerò^^ Dovessero interromperla almeno non ci rimango male come sta succedendo troppo spesso ultimamente!

La cacciatrice di fate di Elizabeth May



Lady Aileana non ha paura della notte: è nelle pieghe del buio che può compiere la sua missione. Non ha paura degli stretti vicoli di Edimburgo e dei pericoli che vi si annidano: è lì che può trovare le sue prede. Perché Aileana, giovane figlia del marchese di Douglas, nasconde un segreto: se di giorno è una perfetta gentildonna del diciannovesimo secolo, alle prese con gioielli, vestiti e feste scintillanti, di notte è una spietata cacciatrice di fate. Tutto è iniziato un anno prima, la sera del suo debutto in società: la stessa, tragica sera della morte di sua madre, uccisa da un essere soprannaturale. Da allora, Aileana sente dentro di sé una voce selvaggia che la sprona alla vendetta. Da allora, ha intrapreso un duro addestramento per imparare a combattere le fate: creature assetate di sangue che si nutrono dell'energia vitale degli umani. È stato Kiaran, il suo affascinante maestro, a fare di Aileana una guerriera, allenandola alla battaglia. E sarà lui a farle scoprire lo straordinario destino che l'attende. Perché Lady Aileana è l'ultima cacciatrice di un'antica stirpe, l'unica in grado di proteggere l'umanità la notte in cui tutte le fate si risveglieranno. La notte, ormai imminente, del solstizio d'inverno.  

Il secondo invece è un libro che mi incuriosisce moltissimo, uscito da un pò ormai se lo avete letto ditemi cosa ne pensate!!

Il sentiero dei profumi di Cristina Caboni



Elena non si fida di nessuno. Ha perso ogni certezza e non crede più nell'amore. Solo quando crea i suoi profumi riesce ad allontanare tutte le insicurezze. Solo avvolta dalle essenze dei fiori, dei legni e delle spezie sa come sconfiggere le sue paure. I profumi sono il suo sentiero verso il cuore delle persone. Parlano dei pensieri più profondi, delle speranze più nascoste: l'iris regala fiducia, la mimosa dona la felicità, la vaniglia protegge, la ginestra aiuta a non darsi per vinti mai. Ed Elena da sempre ha imparato a essere forte. Dal giorno in cui la madre se n'è andata via, abbandonandola quando era solo una ragazzina in cerca di affetto e carezze. Da allora ha potuto contare solo su sé stessa. Da allora ha chiuso le porte delle sue emozioni. Adesso che ha ventisei anni il destino continua a metterla alla prova, ma il suo dono speciale le indica la strada da seguire. Una strada che la porta a Parigi in una delle maggiori botteghe della città, dove le fragranze si preparano ancora secondo l'antica arte dei profumieri. Le sue creazioni in poco tempo conquistano tutti. Elena ha un modo unico di capire ed esaudire i desideri: è in grado di realizzare il profumo giusto per riconquistare un amore perduto, per superare la timidezza, per ritrovare la serenità. Ma non è ancora riuscita a creare l'essenza per fare pace con il suo passato, per avere il coraggio di perdonare. C'è un'unica persona che ha la chiave per entrare nelle pieghe della sua anima e guarire le sue ferite: Cail.  

A presto!!


venerdì 19 dicembre 2014

Recensione: Una levatrice a New York di Kate Manning

Buongiorno a tutti cari lettori, come vi avevo anticipato ecco qui la mia recensione al libro:

Una levatrice a New York di Kate Manning

Casa Editrice: Beat
Collana: Superbeat
Pagine: 460
Prezzo:16.50€
data di pubblicazione: Novembre 2014
ISBN: 9788865592250

Trama: 
È il 1860 e mentre le Grandi Pianure occidentali d'America sono dimora dei bisonti nomadi, il duro acciottolato della città di New York è il domicilio senza tetto di trentacinquemila bambini. Ragazzi di strada, fortunati se riescono a vivere fino a vent'anni, la maggior parte scaricata agli ospizi per trovatelli. Tra loro si aggirano Annie, Dutch e Joe. Dodici anni, indumenti laceri, stivaletti pieni di buchi, Annie è la più grande dei tre ed è lei che conduce a casa di sua madre il Reverendo Charles Brace, dell'Associazione per l'Assistenza all'Infanzia, un tipo alto, magro, con occhi pallidi e infossati, la fronte sporgente e il naso lungo come un vegetale, incontrato per caso davanti alla bottega di un fornaio. Rimasta sola dal giorno in cui suo marito è caduto ubriaco da un'impalcatura mentre portava sulla spalla un carico di mattoni, la madre di Annie non resiste un istante alla parlantina del Reverendo che, affliggendola con storie sul fato funesto dei figli, riesce a portare con sé i bambini, come gattini presi per la collottola e infilati in un sacco. Separata da Dutch e Joe, affidati a famiglie lontane, dopo diverse traversie e dopo essersi ricongiunta alla madre giusto in tempo per vederla spirare di parto, Annie si ritrova a casa del dottore e della dottoressa Evans, a dare una mano in cucina a Mrs Browder, cameriera e governante tuttofare. In quella casa, dove giovani donne accorrono in gran numero per alleviare le sofferenze del parto con il Siero Curativo... 

La mia recensione:

Una levatrice a New York di Kate Manning è un romanzo storico che ho apprezzato moltissimo.

Parzialmente ispirato alla vita di Ann Trow Lohman l'autrice ha saputo ricostruire alla perfezione la vita della New York di fine ottocento.

Protagonista della storia è Annie Muldoon, la più grande di tre fratellini che a causa della malattia della mamma e della povertà sono costretti a vivere chiedendo la carità per le vie di New York.

Un giorno incontreranno il Reverendo Charles Brace dell'Associazione per l'Assistenza all'Infanzia e questo incontro cambierà per sempre le loro vite.

I due fratellini più piccoli, Dutch e Joe saranno adottati mentre Annie, scartata da tutti per il suo carattere ribelle tornerà dalla mamma e resterà con lei fino alla morte della giovane donna in casa del dottor Evans a causa di un parto difficile.

Da quel momento Ann, rimasta orfana, crescerà come cameriera e successivamente assistente di Mrs Evans, la moglie del dottore e questo segnerà il suo destino.

Mrs Evans infatti è una levatrice e insegnerà ad Ann tutti i segreti del suo delicato lavoro, compreso come praticare un aborto, illegale all'epoca.

Crescendo Ann diventerà sempre più abile nel suo lavoro e grazie ad esso costruirà la sua fortuna.

Un libro intenso, che affronta temi importanti e molto discussi ancora oggi come l'aborto e le adozioni illegali.

Tutto il romanzo è costruito sul delicato fino che separa il bene dal male, il lecito e l'illecito, il giusto e lo sbagliato.

“L'anima di una levatrice è vasta e gentile, e dispensa la benedizione più grande che il Signore conceda a noi povere creature.Tuttavia una levatrice deve anche saper accettare la complessità, saper scegliere quello che io chiamo il male minore.Imparerai a non giudicare troppo aspramente gli altri. Se non imparerai questo, non sei adatta a fare questo lavoro”

Kate Manning mette in risalto la difficoltà di vivere una vita degna di questo nome per le classi più povere e soprattutto la disastrosa situazione in cui si trovavano le donne, anche le più ricche, costrette a vivere in una società costruita su pregiudizi verso il genere femminile e circondate da medici bigotti e poco esperti nella loro materia.

“Gli uomini hanno la guerra per procurarsi angosce e sofferenze, mentre noi donne abbiamo la nostra fisiologia. Aveva detto Mrs Browder.Eppure io vedevo che anche le donne avevano la guerra, oh, sì eccome! Allora infatti mi fu impartita a più riprese una dura lezione, cioè che noi donne dovevamo soffrire il doppio, a causa della guerra e a causa dell'anatomia.”

Una storia che mi ha catturata, mi ha fatto riflettere molto e mi ha dato l'opportunità di conoscere uno spaccato di storia importante.

Un libro completo, dove la caratterizzazione dei personaggi è curata nel dettaglio, le descrizioni particolareggiate e la ricostruzione di un'intera epoca ben fatta.

Dagli angoli più remoti della città fino ad arrivare alle lussuose ville e agli sfarzosi vestiti niente è lasciato al caso, tutto è rifinito.

Ciò che mi ha colpito è stato anche il linguaggio usato dalla protagonista per descrivere attraverso la forma del diario la sua vita, schietto, crudo e d'impatto rispecchia perfettamente il carattere di Ann.

Una storia dove i sentimenti forti e potenti dell'animo umano la fanno da padrone. Dove l'apparire fa la differenza ma ciò che conta davvero è l'essere.

“Ciò che conta è l'amore, non il salario di un uomo, o il suo lignaggio, oppure l'eventuale approvazione dei suoi genitori, o se....se la morte può dividere gli amanti,ma soltanto l'amore, soltanto l'amore importa.”

Un libro che non posso che consigliare, in particolare agli amanti del romanzo storico.

  

A presto!













giovedì 18 dicembre 2014

Nuova uscita: Il canto del deserto di Adele Vieri Castellano

Buon pomeriggio a tutti!!

Da oggi, 18 Dicembre, è disponibile in formato ebook e dal 22 Gennaio 2015 in cartaceo:

Il canto del deserto di Adele Vieri Castellano

Casa editrice: Leggereditore
Prezzo ebook: 4.99€
Prezzo cartaceo: 12.00 €

Trama:
Sylvia, divenuta vedova dopo un disastroso matrimonio, arriva in Egitto con suo padre. Per lei è un sogno che si avvera. Finalmente vedrà i luoghi mitici che conosce solo attraverso le lettere di suo fratello Adam, che da anni collabora nelle sue spedizioni archeologiche con Lord Brokenwood, il suo amore negato dell’adolescenza, ora divenuto cieco a causa di un terribile incidente.
Presto, la bellezza di Sylvia, così eterea da ricordare quella della regina Nefertiti, viene notata da Zayd Ambath, il figlio del rais. Ma lei ha altro per la testa: sta per partire per una spedizione nel deserto unica e irrinunciabile alla ricerca di quello che rimane del mitico esercito di Cambise.
Solo non si aspetta che quel mare di sabbia nasconda una pericolosa minaccia, che può mettere a rischio la sua stessa vita. Toccherà a Lord Brokenwood accorrere in suo soccorso, ma l’uomo avrà bisogno di tutto il suo coraggio, e della forza dell’amore, per salvare Sylvia dalle spire del deserto.

Ed ecco qui la lettera che l'autrice ha scritto alle sue lettrici riguardo la su ultima pubblicazione:

Alle mie care lettrici..
Sono sempre stata curiosa dell’antico Egitto, sin dai tempi delle prime letture alle elementari. Allora la sua storia era limitata alla descrizione delle piramidi e a vaghe notizie sul corso del Nilo e sulle sue piene. Crescendo, alla mia grande passione che è la Storia, si è affiancata quella per l’archeologia e le popolazioni del passato. Ho letto decine di saggi sulle grandi scoperte dell’Ottocento, ho visto molti documentari e, in particolare, ne ricordo uno sull’analisi del corpo mummificato del faraone Tutankhamon, la cui tomba venne scoperta nel 1922 da Howard Carter. Una tomba inviolata, ricolma di tesori incredibili.

In quel momento scattò qualcosa in me: interesse, curiosità, passione. Non so descrivere quelle sensazioni, ma so che passai diversi anni a leggere libri che parlavano della tomba inviolata, della maledizione di un faraone bambino intriso di leggenda e mistero, di un antico popolo che aveva lasciato monumenti tanto maestosi e incredibili da stupire gli stessi romani, che poi quel paese e quel popolo conquistarono. Già dai tempi antichi l’Egitto affascinava e io sono stata una delle sue vittime, ben felice di esserlo.

La stesura de “Il Canto del Deserto” affonda le sue radici proprio in questa passione e nel mio sogno, che purtroppo non si è ancora avverato: visitare il Cairo per ammirare le piramidi, la sfinge e, nel museo, la magnifica maschera funeraria di Tutankhamon. Non solo, come accade alla protagonista del mio libro, di imbarcarmi e navigare lungo il Nilo.
L’idea di partenza del romanzo era quella di raccontare la storia di un archeologo e, naturalmente, di inserire una protagonista alla sua altezza. Ma prima di tutto mi sono impegnata, con mio grande piacere, nella ricerca storica. Per scrivere un romance con sfondo storico, che sia credibile e che illuda il lettore di far parte di quel mondo passato, bisogna consultare molti testi e passare ore e ore in navigazione su internet. Conoscevo già, non per averli visitati ma per averli studiati e sognati per anni, i siti archeologici principali del Paese ma quando mi decisi a cercare documentazione sul passato di Luxor, l’antica Tebe capitale dell’Alto Egitto, ebbi una piacevole sorpresa: trovai numerose fotografie d’epoca del complesso templare di Karnak, rese disponibili nel sito di una università americana. L’archivio, utilissimo ed esaustivo, offre vedute della fine del XIX secolo, un colpo d’occhio immediato e realistico sul luogo che, nel mio libro, era il set principale.
Guadare quelle foto in bianco e nero, poterle ingrandire ed ammirare è stata un’esperienza davvero emozionante. Luxor era lì, davanti ai miei occhi come l’avevo immaginata e anche meglio. Potevo osservare e descrivere con precisione quello che un turista o un viaggiatore dell’epoca si trovava davanti: templi dalle colonne maestose, incredibili, circondate da rovine e sabbia, con impresso il marchio indelebile del tempo e dei secoli.
Un altro sito indispensabile per le mie ricerche e per le descrizioni, è stato quello del Theban Mapping Project, che contiene le piantine della Valle dei Re e delle Regine. Ho potuto così “entrare” dentro alle tombe a cui ero interessata: quella di Seti I, con una volta stellata unica in tutta l’arte egizia e in quella di Amenofi III, padre di Akhenaton, faraone della XVIII dinastia di cui parlo nel libro.
Durante la stesura, avvenuta quattro anni fa, ho dato molta importanza alle descrizioni, cercando di stimolare la curiosità delle lettrici che per la prima volta avrebbero scoperto alcuni aspetti dell’Egitto e dei suoi monumenti grazie al mio romanzo. Sì, avete letto bene: il libro è rimasto in un cassetto per quattro anni e negli ultimi mesi, dopo che il mio editore Sergio Fanucci ha letto il manoscritto e ha deciso di pubblicarlo, l’ho revisionato completamente. Le mie Beta Reader dicono che l’ho riscritto e hanno in parte ragione. Infatti, se la trama è rimasta tale e quale, tutto il resto è stato rinnovato perché la scrittura evolve, matura e muta. In questi anni ho imparato e sono cambiata, come poteva non cambiare anche un libro che ha un posto particolare nel mio cuore?
Credetemi, ho avuto più volte la pelle d’oca mentre descrivevo il grande tempio di Amon o il Biban El-Moluk, la Valle dei Re e la mia immaginazione galoppa nel pensare che, sotto le rocce o la sabbia di quei luoghi appartati e aridi, qualche faraone possa ancora riposare indisturbato.
Ho trascorso anche molte ore piacevolissime nella lettura di alcuni libri, disponibili gratuitamente su Google Libri, dato che sono stati scritti da più di settantacinque anni. Il primo è il racconto di un viaggio in Egitto di un francese, avvenuto nel 1857; il secondo è un manuale sui cavalli arabi, scritto a quattro mani da un sultano algerino, proprietario di numerosi stalloni, e un europeo appassionato di cavalli, edito nel 1863. Questi preziosi documenti, trasformati in libri elettronici da mani pazienti, sono utilissimi per immergersi nella realtà del tempo, per scoprire come si viveva e viaggiava a quel tempo, senza filtri, direttamente dalla penna dello scrittore. Per me era come vivere in quegli anni, quasi la stessa epoca in cui ho narrato le vicende del mio romanzo, che si svolge tra il 1871 e il 1872.
Anch’io come la protagonista, Lady Sylvia Dunmore, mi sono allungata sulle sdraio sul ponte del battello a ruota sorseggiando tè alla menta sognando che, su quelle stesse acque, hanno viaggiato Ramses II, Erodoto, Cleopatra e Antonio. Anch’io, tra le sabbie del Gran Mare di Sabbia il più arido deserto del pianeta, ho sognato di trovare archi, frecce ed elmi del perduto esercito di Cambise che il protagonista maschile del libro, il duca di Brokenwood, intende scoprire nell’oasi di Siwa.
Durante il mio viaggio in Egitto, attraverso le mie stesse pagine, ho riscoperto un amore che mi porto dentro da anni, ho ritrovato antichi re e personaggi inventati che sono divenuti, capitolo dopo capitolo, amici e compagni di avventura. Spero accada anche a voi, mentre viaggiate e sognate tra le pagine del mio libro in un Paese romantico e meraviglioso come l’Egitto.

A presto!




Blog tour "La voce del sentimento" di Evelyn Storm

Buongiorno a tutti!

Stamattina il nostro blog ospita la settima tappa del blog tour del

 libro: La voce del sentimento di  Evelyn Storm.



Di seguito le regole, i premi e le tappe:

PREMI:

I vincitori saranno due:
Il Primo Vincitore riceverà:
La voce del sentimento in formato cartaceo + segnalibro
Il Secondo Vincitore riceverà:
La voce del sentimento in formato eBook + segnalibro


LE REGOLE DELL'AUTRICE:

1) mettere mi piace qui:https://www.facebook.com/EvelynStormautrice
 2) Unirsi come follower al mio blog: http://evelynstormworld.wordpress.com/
3) Unirsi al mio blog:http://scrivoquindisono2013.blogspot.it/
 4) Scrivere perché vorreste leggere La voce del sentimento commentando nell'evento.

LE TAPPE DEL BLOGTOUR:

Prima tappa: 24 novembre su http://evelynstormworld.wordpress.com/ (presentazione del libro, tappe del blogtour e presentazione del giveaway).

Seconda tappa: 28 novembre su http://paolonialessandra.blogspot.it/ (estratti del romanzo)

Terza tappa: 1 dicembre sul blog http://valeriadeluca1981.blogspot.it/ (intervista all'autrice)

Quarta tappa: 5 dicembre sul blog http://thechroniclesofabookaholic.blogspot.it/ (presentazione dei personaggi)

Quinta tappa: 10 dicembre sul blog http://annatognoni.blogspot.it/ (intervista a due personaggi del libro)
Sesta tappa: 15 dicembre sul blog http://themydiarysecret.blogspot.it/ (curiosità sul romanzo)
Settima tappa: 18 dicembre sul blog http://romance-e-non-solo.blogspot.it/ (amore e sentimenti)
Ottava tappa: 19 dicembre sul blog http://lettoreungransognatore.blogspot.it/ (recensione del libro)

Nona tappa: 22 dicembre sul blog http://lepassionidibrully.blogspot.it/ (proclamazione 2 vincitori del giveaway)

Questa settma tappa ospita il tema: Amore e sentimenti.
Ecco le parole dell'autrice Evelyn Storm:


Credo che nella vita i sentimenti siano una parte fondamentale di ognuno di noi. Proviamo qualcosa in modi diversi e per tante cose. Quindi ho voluto concentrarmi sull'argomento, sottolineando che l'amore c'è in tutte e 4 le storie che compongono il libro e che sentimenti simili, anche se ogni storia è diversa, non è raro ritrovarli in tutti.

 Nel primo racconto, Ricominciare, sono presenti vari sentimenti: l'affetto che si trasforma in amore, la paura del bosco e di perdere una persona cara, il lutto, il terrore, la solitudine, l'abbandono. Ma anche la speranza e la rinascita. Nel secondo che è l'unico fantasy, Patto di sangue, la rabbia e l'impotenza si trasformano in armi utili per contrastare un nemico. Ma ci sono anche la fiducia, la rassegnazione, la paura, la rabbia, il desiderio di rivalsa e di sopraffazione. Oltre che la passione. Nel terzo, Destini incrociati, la delusione e l'aspettativa si uniscono al sogno e al desiderio di ribaltare situazioni che non si possono più sopportare. Ma anche darsi all'altro e dar voce a una passione mai dimenticata. Nell'ultimo, Amore, desiderio e... ghiaccio, c'è il senso di fallimento e l'idea che, se uno sbaglia a fare delle scelte, dopo sia tardi per rifarsi. Ma c'è anche il rancore verso un innamorato insensibile, il desiderio di aprirsi al nuovo, affidarsi a un altro e tirare fuori le palle. L'amore tocca ogni sfumatura possibile, e non potrebbe essere che così, perché è universale... dall'Italia all'estero, tra gli esseri umani e quelli immortali. Durante la vita e anche dopo.

Con questo è tutto! Il blog tour vi aspetta il 19 Dicembre per 

l'ottava tappa.


A presto!!!


mercoledì 17 dicembre 2014

W...w...w... Wednesday Arimi

Buongiorno a tutti =)
eccomi qui con tutti voi per parlarvi delle mie ultime letture  con una nuova puntata di "W... W... W... Wednesdays"

Se siete interessati ad avere la mia opinione riguardo un libro che non ho recensito basta scriverlo nei commenti, se ci saranno più richieste preparerò la recensione^^


Il banner è stato ricreato da Nasreen (admin del blog Sognando Leggendo), non è il banner originario del blog inglese.
Questa rubrica proviene da un blog inglese di cui trovate il titolo anche all’interno del bannerino che parla dell’iniziativa. In cosa consiste? Sostanzialmente basta rispondere a tre domande.

1) What are you currently reading? Cosa stai leggendo?
2) What did you recently finish reading? Quale libro hai finito di recente?
3) What do you think you’ll read next? Quale libro sarà la tua prossima lettura?


Cominciamo...


1) What are you currently reading? Cosa stai leggendo?







2) What did you recently finish reading? Quale libro hai finito di recente?




Venerdì mattina troverete la mia recensione sul blog!!!

3) What do you think you’ll read next? Quale libro sarà la tua prossima lettura?

Penso proprio che sarà




E voi cosa state leggendo??

A presto!!

lunedì 15 dicembre 2014

Giveaway di Natale!

Buongiorno a tutti!!!

Udite udite...oggi inizia il conto alla rovescia per il nostro giveaway natalizio!!!

Colgo l'occasione per ringraziare Francesca e Alessandra che sono state disponibili e gentilissime accogliendo la mia richiesta per organizzare questo evento!

Ed ora andiamo a scoprire il libro in palio!

LA CACCIATRICE DI LIETO FINE di FRANCESCA CANI




Casa Editrice: Rizzoli  "YouFeel"
Mood romantico


Trama:

Il lieto fine esiste solo nei romanzi d’amore?

Chignon spettinato, occhiali spessi e un libro sempre davanti al naso, Alba conosce pochissimo il mondo reale. Bibliotecaria veronese, lettrice da competizione e romantica disillusa, agli uomini in carne e ossa preferisce eroi come Jamie Fraser o Mr. Darcy. Quando una vacanza forzata e la prospettiva raccapricciante di passare le feste divisa fra la madre iperprotettiva e il padre assente la mettono in fuga, Alba non sa dove rifugiarsi. Un volo last minute la fa atterrare in Irlanda! Lì nessuno la disturberà, tranne il destino che il giorno di Natale la porta sul sentiero che sta percorrendo Bram O’Ryan, medico, surfista e testa pazza dalla chioma rossa infuocata. Con lui partirà per un itinerario alla ricerca di esseri leggendari e sfide (im)possibili. Un nuovo amore può guarire dalle ferite del passato? Ci vuole un’abile cacciatrice per catturare il lieto fine perfetto.
Un romanzo intenso che vi coinvolgerà, una storia d’amore in cui il lieto fine non è assicurato, ma va inseguito fino all’ultima pagina.

L'intervista all'autrice:

Ciao Francesca e benvenuta sul blog ROMANCE E NON SOLO. Per prima cosa grazie per aver accettato di fare quest'intervista per i lettori del nostro blog!
Passiamo subito alle domande =D

Ti va di raccontarci qualcosa di te?

Sono una cacciatrice di lieto fine, esattamente come Alba, la protagonista del mio romanzo. Ho la testa fra le nuvole e giro sempre con un libro sottobraccio o nella borsa. Sono una frana nell’abbinare gli abiti, soprattutto i colori, spesso assomiglio a un quadro di Monet nei mei outfit. Adoro viaggiare, soprattutto nei paesi anglosassoni e ogni volta che posso parto con mio marito alla scoperta di Irlanda, Scozia e Inghilterra. Ho trentaquattro anni, sono mantovana e schietta come la mia terra, adoro i gatti e coltivo orchidee.

La tua passione per la scrittura è nata da poco o è una passione che hai coltivato nel corso degli anni?

Scrivo da sempre e quando non ero ancora capace di farlo adoravo ascoltare storie. In realtà costringevo i miei genitori a raccontarmele per ore, lottando contro il sonno che mi faceva chiudere le palpebre! Dal riempire quadernini di avventure immaginate, durante l’ora di religione, al portatile che mi regalarono all’università, non ho mai smesso di mettere nero su bianco le mie emozioni. Ma la vera avventura è iniziata da poco. Dalla pubblicazione del mio primo romanzo nel 2009, una storia a cui avevo lavorato per dieci anni, a oggi gli eventi sono stati frenetici. I colori della nebbia scritto con Marichiara Cabrini è uscito l’anno scorso e ora sono qui per parlarvi di La cacciatrice di lieto fine! A volte mi sembra ancora incredibile…


Che genere prediligi particolarmente scrivere?

Ho spaziato molto in passato: dall’erotico allo steampunk, dal romance storico al contemporaneo, ma la mia natura di cacciatrice di sogni mi fa sempre propendere per le storie romantiche! Mi piace parlare di sentimenti, dell’amore che cambia la vita dei personaggi… Sono un’inguaribile romantica!


Nella scelta del genere con cui hai pubblicato il tuoi libri ti sei ispirata ad un autore in particolare che ti piace particolarmente? Se si, chi?

In realtà, quando scrivo un romanzo cerco di non assomigliare a nessuno, ma di scoprire me stessa. Ogni volta che scrivo inizia un viaggio e un confronto con i miei limiti. Mentre scalo, scrivere oggi è
come praticare uno sport estremo, cerco di non voltarmi per guardare cosa accede intorno, o temo rischierei di cadere!


Durante la scrittura dei tuoi romanzi, il luogo dove ti rifugi a scrivere deve essere silenzioso? O preferisci un sottofondo di musica? Hai un’atmosfera particolare che ti aiuta a rilassarti durante la scrittura?

Molto dipende dalla scena che sto scrivendo: a volte c’è bisogno di concentrazione e allora guai se vola una mosca nel mio studio! Ma spesso ascolto musica, mentre sono davanti alla tastiera. Mi è capitato di scrivere una scena di battaglia de I colori della nebbia, uno storico ambientato nell’Ottocento, edito da Harlequin Mondadori, con un vecchio cd degli Aerosmith che trasmetteva in loop What Kind Of Love Are You, un pezzo decisamente rock. Per La cacciatrice di Lieto fine ho spaziato dalla musica tradizionale irlandese come The wilde rover, cantando a squarciagola No, Nay, Never no more, a Let her go dei Passengers, brani che ritroviamo nelle pagine del romanzo. A volte mi è molto d’aiuto la musica classica, penso sblocchi la mente! Ultimamente sto scrivendo con la colonna sonora di Downton Abbey in sottofondo, la trovo sublime.



L’autore, oltre che scrivere, legge anche xD Quale genere prediligi di più leggere? Romanzi simili al tuo o di diverso genere?

Ho la casa piena di libri e tutte le volto che passo per Ikea ci scappa l’acquisto di una libreria! Per la gioia di mio marito che poi deve montarla… Mi piace che ci sia una storia d’amore nei libri che leggo, ma spazio abbastanza. Vado a fasi alterne per quanto riguarda il genere: dai romance ai romanzi main stream, purché la storia mi coinvolga. Sul comodino in questo momento ho Volevo solo averti accanto, di Ronald H. Balson edito da Garzanti, e in rilettura La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo di Audrey Niffenegger.


Quali sono i tuoi progetti futuri o idee in cantiere? Naturalmente solo se puoi e vuoi renderlo noto ai lettori

Ho scritto il continuo di I colori della nebbia con Marichiara Cabrini e un medioevale che sono all’esame degli editori. Incrociamo le dita! Ho iniziato da pochi giorni una nuova storia romantica contemporanea, per il momento è solo un abbozzo, ma ho già volti e caratteri dei personaggi in testa ed è bello stare in loro compagnia, speriamo porti bene!


Bene con questo è tutto… Ti ringraziamo di cuore per la tua
disponibilità Francesca! In bocca al lupo per il tuo lavoro. C’è qualcosa che vorresti ancora aggiungere?
Grazie infinite per avermi ospitata! Grazie a Rizzoli, che mi ha dato l’opportunità di pubblicare La cacciatrice di lieto fine e, soprattutto, di conoscere le altre autrici e membri dello staff Youfeel (siamo un gruppo davvero pazzo!). Buon Natale a tutti!


Benissimo ed ora passiamo alle semplici regole per partecipare al giveaway!

1) essere follower del blog. Se ancora non lo siete basta cliccare "unisciti a questo sito" in alto a destra =)

2) commentare questo post 

3) mettere mi piace sulla pagina Facebook del blog: https://www.facebook.com/pages/Romance-e-non-solo/283545437412

4) Condividere dove volete!!

Avete tempo per partecipare fino al 25 Dicembre!
Il 28 saprete il nome del vincitore!!

In bocca al lupo a tutti!!












sabato 13 dicembre 2014

Rubrica: I libri son desideri!

Buon sabato a tutti!!
Ecco qui una nuova puntata della rubrica....
I libri son desideri dove vi parlerò dei libri che desidero leggere e che si sono aggiunti da poco o attendono da molto tempo nella mia Wish list^^



La felicità delle piccole cose di Caroline Vermalle

Questo libro l'ho appena aggiunto alla mia lista desideri, la trama sembra molto interessante e poi devo essere sincera, la copertina mi ha colpito molto è stupenda!!


La trama:

Parigi. La neve cade dolcemente sulla città, ammantando di bianco la Tour Eiffel, Notre-Dame e il Panthéon, come in una cartolina. Un uomo passeggia lungo la Senna diretto verso casa, un elegante palazzo sull'Île Saint-Louis. È Frédéric Solis, avvocato di successo con la passione per i quadri impressionisti. Affascinante, ricco e talentuoso, Frédéric sembra avere tutto quello che si può desiderare dalla vita. Gli manca una famiglia, ma dopo essere stato abbandonato dal padre molti anni prima, ha preferito circondarsi di oggetti lussuosi e belle donne piuttosto che mettere ancora in gioco il suo cuore ferito. Fino a quando, un giorno, scopre di aver ricevuto una strana eredità, che consiste in una manciata di misteriosi biglietti e in un disegno che ha tutta l'aria di essere una mappa. Cosa nasconderanno quegli indizi? Convinto di essere sulle tracce di un quadro dimenticato di Monet, Frédéric decide di tentare di decifrare la mappa. Grazie all'aiuto della giovane e stralunata assistente Pétronille, inizia così un viaggio lungo i paesaggi innevati del Nord della Francia, tra i luoghi prediletti dai suoi amati impressionisti: Éragny, Vétheuil, il giardino di Monet, con una tappa d'obbligo al Musée d'Orsay. Di incontro in incontro, di sorpresa in sorpresa, torneranno a galla ricordi che Frédéric credeva di aver dimenticato, e un tesoro ben più prezioso di qualsiasi ricchezza.

Il palazzo d'inverno di Eva Stachniak


Con questo libro è stato amore a prima vista! L'ambientazione è decisamente affascinante.


Trama:
Varvara Nikolaevna ha sedici anni quando diventa una "protetta della Corona", una di quelle ragazze, orfane o abbandonate, al servizio dell'imperatrice Elisabetta Petrovna, la figlia minore di Pietro il Grande, salita al trono di Russia nel 1741. Orfana di un legatore polacco, svelta e già priva di tutte le illusioni proprie dell'adolescenza, abbastanza carina da doversi difendere da mille attenzioni nei corridoi del Palazzo d'Inverno, Varvara Nikolaevna rimarrebbe una delle innumerevoli e anonime ragazze del guardaroba imperiale, una goffa cucitrice vessata dalla capocameriera di corte madame Kluge, se non si imbattesse un giorno nel conte Bestuzev. Cancelliere di Russia e, secondo le voci ricorrenti tra le cucitrici, uno degli uomini che riscaldano spesso il letto di Elisabetta Petrovna, il conte cerca di non lasciarsi sfuggire nulla di ciò che accade nella residenza imperiale. Nella giovane Nikolaevna scorge una possibile portatrice della "verità dei sussurri ", la servetta capace di aprire cassetti nascosti, di staccare e ripristinare abilmente la ceralacca dalle lettere, di riconoscere all'istante libri cavi, bauli con doppi fondi, meandri di corridoi segreti. Dopo averla istruita all'arte di origliare senza farsi scoprire, le affida perciò il più delicato dei compiti: tenere d'occhio la principessa Sofia Federica Augusta Anhalt-Zerbst, la giovanissima tedesca scelta da Elisabetta come consorte dell'orfano di sua sorella, Karl Peter Ulrich, duca di Holstein, il quindicenne nominato principe ereditario...  


A presto!!


venerdì 12 dicembre 2014

Nuova uscita: Il falco di maggio di Elisabetta Bricca

Buon pomeriggio a tutti voi lettori di Romance e non solo, oggi vi voglio presentare il nuovo romanzo di un'autrice italiana che sicuramente conoscerete in molti^^

 Il falco di maggio di Elisabetta Bricca

Casa editrice: autopubblicato 
Formato: Formato Kindle
Prezzo: Euro 0,89

Trama:

Irlanda, 1846
Bruce Cavedish è il Marchese di Donegal, lembo estremo di terra irlandese,
aspra e selvaggia, dove aleggia ancora il sussurro della magia degli antichi
Celti.
Un giovane uomo tornato in Irlanda per adempire ai suoi nuovi obblighi, ma
che non può soffocare il richiamo del sangue né dimenticare il passato di
un'infanzia dolorosa.
Fionnula O'Halloran e un'impavida testa rossa dal carattere indomito, figlia del
popolo, che si batte per l'indipendenza della sua gente.
Tra i due, provenienti da due mondi tanto diversi, è subito scontro. Eppure,
lentamente, qualcosa di diverso dal rancore prende forma e sboccia in un
amore contrastato, vivo, totalizzante. Tra gli echi di una natura arcaica,
l'orgoglio di un popolo che non s'inginocchierà mai al dominio inglese, la lotta
per la libertà e gli intrighi di potere, Bruce e Fionnula intraprenderanno un
cammino tortuoso, guidati solo dal richiamo del cuore, della fratellanza, e dalla
consapevolezza di essere figli della stessa, amata terra che reclama giustizia.

Acquistabile su Amazon:



L'autrice:
Elisabetta, nata e cresciuta “ner core” di Roma, è laureata in Sociologia comunicazione e massmedia; è copywriter, autrice, musa di fotografi, e organizzatrice di premi letterari.
È appassionata di cucina, letteratura, arte, storia, vino ed equitazione. Ha un grande amore per la letteratura americana del XX secolo, tanto che si è ripromessa di portare una rosa sulla tomba di Faulkner, e per le poesie di Sylvia Plath e Arthur Rimbaud.
Il suo sogno è quello di poter ritirarsi in un abbaino di Montmartre, a Parigi, dove poter scrivere guardando la luna.

Pubblicazioni:

Sangue Ribelle” Harlequin Mondadori
D’amore e di ventura” Harlequin Mondadori
Umbria she said” Lighthouse publisher
Nel 2013, il suo racconto “Parigi… encore” è arrivato tra i finalisti del concorso letterario,indetto da Il Messaggero, “Donne che fanno testo”.

A presto,


Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?