venerdì 19 dicembre 2014

Recensione: Una levatrice a New York di Kate Manning

Buongiorno a tutti cari lettori, come vi avevo anticipato ecco qui la mia recensione al libro:

Una levatrice a New York di Kate Manning

Casa Editrice: Beat
Collana: Superbeat
Pagine: 460
Prezzo:16.50€
data di pubblicazione: Novembre 2014
ISBN: 9788865592250

Trama: 
È il 1860 e mentre le Grandi Pianure occidentali d'America sono dimora dei bisonti nomadi, il duro acciottolato della città di New York è il domicilio senza tetto di trentacinquemila bambini. Ragazzi di strada, fortunati se riescono a vivere fino a vent'anni, la maggior parte scaricata agli ospizi per trovatelli. Tra loro si aggirano Annie, Dutch e Joe. Dodici anni, indumenti laceri, stivaletti pieni di buchi, Annie è la più grande dei tre ed è lei che conduce a casa di sua madre il Reverendo Charles Brace, dell'Associazione per l'Assistenza all'Infanzia, un tipo alto, magro, con occhi pallidi e infossati, la fronte sporgente e il naso lungo come un vegetale, incontrato per caso davanti alla bottega di un fornaio. Rimasta sola dal giorno in cui suo marito è caduto ubriaco da un'impalcatura mentre portava sulla spalla un carico di mattoni, la madre di Annie non resiste un istante alla parlantina del Reverendo che, affliggendola con storie sul fato funesto dei figli, riesce a portare con sé i bambini, come gattini presi per la collottola e infilati in un sacco. Separata da Dutch e Joe, affidati a famiglie lontane, dopo diverse traversie e dopo essersi ricongiunta alla madre giusto in tempo per vederla spirare di parto, Annie si ritrova a casa del dottore e della dottoressa Evans, a dare una mano in cucina a Mrs Browder, cameriera e governante tuttofare. In quella casa, dove giovani donne accorrono in gran numero per alleviare le sofferenze del parto con il Siero Curativo... 

La mia recensione:

Una levatrice a New York di Kate Manning è un romanzo storico che ho apprezzato moltissimo.

Parzialmente ispirato alla vita di Ann Trow Lohman l'autrice ha saputo ricostruire alla perfezione la vita della New York di fine ottocento.

Protagonista della storia è Annie Muldoon, la più grande di tre fratellini che a causa della malattia della mamma e della povertà sono costretti a vivere chiedendo la carità per le vie di New York.

Un giorno incontreranno il Reverendo Charles Brace dell'Associazione per l'Assistenza all'Infanzia e questo incontro cambierà per sempre le loro vite.

I due fratellini più piccoli, Dutch e Joe saranno adottati mentre Annie, scartata da tutti per il suo carattere ribelle tornerà dalla mamma e resterà con lei fino alla morte della giovane donna in casa del dottor Evans a causa di un parto difficile.

Da quel momento Ann, rimasta orfana, crescerà come cameriera e successivamente assistente di Mrs Evans, la moglie del dottore e questo segnerà il suo destino.

Mrs Evans infatti è una levatrice e insegnerà ad Ann tutti i segreti del suo delicato lavoro, compreso come praticare un aborto, illegale all'epoca.

Crescendo Ann diventerà sempre più abile nel suo lavoro e grazie ad esso costruirà la sua fortuna.

Un libro intenso, che affronta temi importanti e molto discussi ancora oggi come l'aborto e le adozioni illegali.

Tutto il romanzo è costruito sul delicato fino che separa il bene dal male, il lecito e l'illecito, il giusto e lo sbagliato.

“L'anima di una levatrice è vasta e gentile, e dispensa la benedizione più grande che il Signore conceda a noi povere creature.Tuttavia una levatrice deve anche saper accettare la complessità, saper scegliere quello che io chiamo il male minore.Imparerai a non giudicare troppo aspramente gli altri. Se non imparerai questo, non sei adatta a fare questo lavoro”

Kate Manning mette in risalto la difficoltà di vivere una vita degna di questo nome per le classi più povere e soprattutto la disastrosa situazione in cui si trovavano le donne, anche le più ricche, costrette a vivere in una società costruita su pregiudizi verso il genere femminile e circondate da medici bigotti e poco esperti nella loro materia.

“Gli uomini hanno la guerra per procurarsi angosce e sofferenze, mentre noi donne abbiamo la nostra fisiologia. Aveva detto Mrs Browder.Eppure io vedevo che anche le donne avevano la guerra, oh, sì eccome! Allora infatti mi fu impartita a più riprese una dura lezione, cioè che noi donne dovevamo soffrire il doppio, a causa della guerra e a causa dell'anatomia.”

Una storia che mi ha catturata, mi ha fatto riflettere molto e mi ha dato l'opportunità di conoscere uno spaccato di storia importante.

Un libro completo, dove la caratterizzazione dei personaggi è curata nel dettaglio, le descrizioni particolareggiate e la ricostruzione di un'intera epoca ben fatta.

Dagli angoli più remoti della città fino ad arrivare alle lussuose ville e agli sfarzosi vestiti niente è lasciato al caso, tutto è rifinito.

Ciò che mi ha colpito è stato anche il linguaggio usato dalla protagonista per descrivere attraverso la forma del diario la sua vita, schietto, crudo e d'impatto rispecchia perfettamente il carattere di Ann.

Una storia dove i sentimenti forti e potenti dell'animo umano la fanno da padrone. Dove l'apparire fa la differenza ma ciò che conta davvero è l'essere.

“Ciò che conta è l'amore, non il salario di un uomo, o il suo lignaggio, oppure l'eventuale approvazione dei suoi genitori, o se....se la morte può dividere gli amanti,ma soltanto l'amore, soltanto l'amore importa.”

Un libro che non posso che consigliare, in particolare agli amanti del romanzo storico.

  

A presto!













3 commenti:

Nelly ha detto...

Mia madre lo ha comprato da poco e lo sta leggendo. Ha detto che le piace molto. Anche a me la trama mi ispira e non vedo l'ora di leggerlo.

Giulia (aka Tricheco) ha detto...

Arimi, lo avevo già adocchiato da tempo perché trovo sempre molto affascinanti tali tematiche. Complimenti per la recensione veramente molto dettagliata. Non mi resta che aggiungerlo alla mia wl :)

Arimi ha detto...

Grazie Giulia!
Ve lo consiglio è un libro che merita di essere letto, diverso dal solito e soprattutto "reale".

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?