neve

giovedì 26 aprile 2012

Recensione "Hunger Games" di Suzanne Collins

Buonasera a tutti =)
complici i vari speciali e trailer riguardanti il film tratto da questo romanzo mi hanno fatto finalmente convincere a leggere il primo romanzo di questa serie... Era già tra i libri da leggere, ma dopo tutti questi pareri entusiasmanti lo hanno fatto salire verso il primo posto dei libri da leggere xD e meno male che l'ho fatto =)

HUNGER GAMES di Suzanne Collins

Casa Editrice: Mondadori
Collana: Chrysalide
Pagine: 374
Prezzo: 14,90€
Data di pubblicazione: 2012 (prima edizione nel 2008)
Codice ISBN: 9788804621614

Aggiungi la scheda di questo romanzo su aNobii.com oppure su Goodreads.com

Trama:
Quando Katniss urla "Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!" sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. È il giorno dell'estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrà gettato nell'Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il pubblico, gli sponsor, l'audience. Katniss appartiene al Distretto 12, quello dei minatori, quello che gli Hunger Games li ha vinti solo due volte in 73 edizioni, e sa di aver poche possibilità di farcela. Ma si è offerta al posto di sua sorella minore e farà di tutto per tornare da lei. Da quando è nata ha lottato per vivere e lo farà anche questa volta. Nella sua squadra c'è anche Peeta, un ragazzo gentile che però non ha la stoffa per farcela. Lui è determinato a mantenere integri i propri sentimenti e dichiara davanti alle telecamere di essere innamorato di Katniss. Ma negli Hunger Games non esistono gli amici, non esistono gli affetti, non c'è spazio per l'amore. Bisogna saper scegliere e, soprattutto, per vincere bisogna saper perdere, rinunciare a tutto ciò che ti rende Uomo.

La mia recensione:

Preparatevi a rimanere incantati da questo romanzo e
dalla Ragazza in Fiamme del Distretto 12


Primo romanzo di una serie distopica davvero coinvolgente, una trama complessa e ben strutturata, una scrittura lineare e scorrevole che vi farà finire il libro in neanche due ore e mezza (io ci ho messo questo tempo per leggerlo ^^)...

*Contiene alcuni spoiler sulla prima parte del romanzo... quindi ATTENZIONE...
io vi ho avvisati u.u*


La storia si svolge, nella prima parte, nel distretto 12 di Panem, quest'ultimo è diviso in totale in 13 distretti e in ognuno di essi ci si occupa di un particolare lavoro. Il lavoro degli abitanti del distretto 12 è lavorare in miniera ed estrarre il carbone.

Protagonista incontrastata di questa storia è Katniss Everdeen, una giovane ragazza che vive con la madre e la sorellina Primrose. Fin dall'inizio del romanzo riconosciamo in lei i tratti di un carattere molto forte, una mente sveglia ed una capacità molto utile di celare a tutti i suoi veri pensieri dietro una facciata di indifferenza.

La vita nel distretto 12 non è affatto facile, infatti, se non fosse per Katniss che caccia e raccoglie le erbe medicinali che sua madre poi rivende non riuscirebbero a sopravvivere... Ma qualcosa, una volta all'anno, rende tutti i ragazzi e ragazze tra i 12 e i 18 anni inquieti... Questo "qualcosa" sono gli Hunger Games, un reality show che ogni anno viene organizzato a Capitol City e vengono sorteggiati, durante la "mietitura" due ragazzi, una femmina e un maschio, chiamati Tributi, che dovranno affrontarsi l'un l'altro e contro gli altri partecipanti degli altri 11 distretti. Solo uno vince e torna a casa vivo.

Ad aggravare la tensione c'è anche la questione delle "tessere" ovvero una scorta di cereali e altri beni primari che ogni anno un ragazzo può richiedere per la propria famiglia, ma utilizzandole il proprio nome verrà inserito più e più volte all'interno del contenitore sottoforma di bigliettini, dove verrà poi estratto il partecipante agli Hunger Games.

Arriva il giorno della mietitura e il più grande incubo di Katniss sembra avere luogo... hanno estratto il nome di Primrose... c'è solo una cosa che lei può fare...

- Mi offro volontaria! - ansimo. - Mi offro volontaria come tributo!

Infatti per gli Hunger Games vige questa piccola regola... se uno si offre volontario dopo che una persona viene sorteggiata, il volontario prenderà il posto di quello sorteggiato.
Un modo a vedersi semplice per salvare Primrose, ma per Katniss è quasi come una condanna a morte certa.

Riuscirà a salvarsi durante gli Hunger Games?
Che cosa l'aspetta a Capital City?


Insieme a lei viene sorteggiato anche il tributo maschile e sarà Peeta Mellark, il figlio del panettiere del distretto, un ragazzo più fragile e vittima più facile rispetto a Katniss.

Verranno entrambi condotti a Capitol City dove verrano addestrati a combattere e verrano messi in mostra davanti a migliaia di persona per ottenere quanta più acclamazione possibile prima della sfida sul campo.

Una sfida che ha una sola regola... O vinco o muoio. Si creeranno alleanze, finzioni, trappole e scene di grande tensione che faranno tenere gli occhi attaccate alle pagine del romanzo fino a quando non troveremo la parola Fine.

Questo romanzo è stato targato come un romanzo per ragazzi, però devo dire che per le persone che sono abbastanza suscettibili è un libro un po' troppo crudo. Un romanzo dove non viene risparmiato niente, tutte le emozioni, le situazioni, per quanto macabre, vengono tutte descritte nei minimi dettagli e ti fanno interagire a 360° con la vita di Katniss e Peeta.

Un risvolto interessante, per quanto riguarda Peeta, lo vedremo durante una delle innumerevoli giornate in cui i ragazzi verranno messi davanti al pubblico per conoscerli meglio: un sentimento conservato dentro al suo cuore fin da piccolo nei confronti di Katniss... Inoltre vedremo anche come il ragazzo, se pur con difficoltà certe volte, tenterà di aiutare e salvare Katniss durante gli Hunger Games

Questo cambierà qualcosa tra di loro?
O sarà trattato come un'infattuazione infantile e basta?


Protagonista che incontreremo nella prima parte e nell'ultima del romanzo da tenere d'occhio sarà inoltre Gale: un amico di Katniss con cui cacciava e ha aiutato la famiglia di lei durante gli Hunger Games...

Ma sarà solo un amico o qualcosa di più? E come mai Katniss sembra così indecisa sui sentimenti che la legano con Gale e Peeta?

Una cosa molto particolare che mi ha colpito è stato anche lo scoprire, all'inizio del romanzo, perchè gli Hunger Games hanno avuto inizio e viene spiegato durante il sorteggio dei tributi per gli Hunger Games.
Non appena l'orologio cittadino batte le due, il sindaco sale sulla pedana e comincia a leggere. È la stessa storia ogni anno. Racconta di Panem, la nazione risorta dalle ceneri di un luogo un tempo chiamato Nord America. Elenca i disastri, le siccità, gli uragani, gli incendi, l'avanzare dei mari che inghiottirono buona parte della terraferma, la lotta brutale per le poche risorse rimaste. Il risultato fu Panem, una splendente Capitol City attorniata da tredici distretti, che portò pace e prosperità ai suoi cittadini. Poi vennero i Giorni Bui, la rivolta dei distretti contro la capitale. Dodici furono sconfitti, il tredicesimo distrutto. Il Trattato del Tradimento ci diede nuove leggi, per assicurare la pace e per ricordarci ogni anno che i Giorni Bui non dovranno più ripetersi, e ci diede anche gli Hunger Games.
Le regole sono semplici. Come punizione per la rivolta, ognuno dei dodici distretti deve fornire due partecipanti, un ragazzo e una ragazza, chiamati tributi. I ventiquattro tributi vengono rinchiusi in un'ampia arena all'aperto che può contenere di tutto, da un torrido deserto a una landa ghiacciata.
Per varie settimane i concorrenti devono combattere sino alla morte.
L'ultimo tributo ancora in piedi vince.

Prendere i ragazzini dai nostri distretti, obbligarli a uccidersi l'un l'altro sotto gli occhi di tutti... è così che Capitol City ci ricorda che siamo totalmente alla sua mercè. Che avremmo ben poche possibilità di sopravvivere a un'altra ribellione. Indipendentemente dalle parole che usano, il messaggio è chiaro. "Guardate come prendiamo i vostri figli e li sacrifichiamo senza che voi possiate fare niente. Se alzate un dito, vi distruggeremo dal primo all'ultimo. Proprio come abbiamo fatto con il Distretto Tredici."
Felici Hunger Games! E possa la buona sorte essere sempre a vostro favore!



*The Hunger Games Series*
1. HUNGER GAMES
2. La ragazza di fuoco
3. Il canto della rivolta

L'autrice

Suzanne Collins è una scrittrice e sceneggiatrice statunitense. La sua carriera inizia nel 1991, quando inizia a scrivere sceneggiature per programmi televisivi per bambini. È diventata famosa grazie al romanzo Hunger Games, primo di una trilogia.
Vive nel Connecticut con il marito e i due figli. Ha due gatti.
L'1 Maggio uscirà al cinema il film tratto da Hunger Games, mentre il 15 Maggio uscirà il terzo romanzo della serie Hunger Games, Il canto della rivolta.

A presto

Nessun commento:

Premi del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ti piace il mio blog?